Reclami

Per presentare un reclamo scritto è possibile alternativamente:

  • trasmetterlo per posta ordinaria a:
    • Banca del Piceno – Ufficio Reclami c/o Ufficio Segreteria –Via Marziale 36 – Acquaviva Picena (AP)
  • inviarlo per posta elettronica alla casella reclami@bancadelpiceno.bcc.it
  • inviarlo per posta elettronica certificata alla casella pec@bancadelpiceno.pecbcc.it
  • consegnarlo direttamente alla Filiale dove è intrattenuto il rapporto, che  provvede al ritiro del reclamo ed alla successiva trasmissione all’Ufficio Reclami della Banca.
     

Scarica il MODULO RECLAMI

La Banca, successivamente ad una prima comunicazione di ricezione e di presa in carico del reclamo, risponderà entro 60 giorni dalla ricezione, se il reclamo è relativo a operazioni e servizi bancari e finanziari (ad es. conti correnti, carte di pagamento, mutui, finanziamenti), entro 60 giorni dal ricevimento della richiesta se il reclamo è relativo a servizi di investimento, entro 45 giorni dal ricevimento della richiesta se il reclamo è relativo alla violazione degli obblighi di comportamento che devono essere rispettati nei confronti dei contraenti polizze assicurative; entro 15 giorni lavorativi nel caso di reclami aventi ad oggetto servizi di pagamento di cui alla Direttiva 2015/2366/UE cd. PSD2 (bonifici, addebiti Sepa Direct Debit, addebiti su carte di debito e carte di credito).

Il Cliente, in mancanza di risposta entro i termini previsti, o qualora fosse comunque insoddisfatto dell’esito del reclamo, prima di ricorrere al Giudice, potrà intraprendere le seguenti vie:

AVVERTENZA!!!

Si segnala che è obbligatorioprima di agire in giudizio, esperire il “tentativo di mediazione“, cioè chiamare la controparte di fronte ad uno degli organismi di mediazione iscritti nell’apposito Albo e tentare così di raggiungere un accordo spontaneo.

Ad esempio, possono essere utilizzati per svolgere tale “tentativo di mediazione” obbligatorio, i sopra citati ABFConciliatore BancarioFinanziario e Camera di Conciliazione e Arbitrato presso la Consob (così come ogni altro organismo riconosciuto dal Ministero della Giustizia).

Controversie inerenti operazioni e servizi bancari e finanziari

Dopo aver presentato un reclamo in materia di operazioni e servizi bancari e finanziari, se insoddisfatto dell’esito o se dopo 60 giorni non ha ricevuto risposta dalla Banca, il cliente può rivolgersi:

  • all’Arbitro Bancario Finanziario (ABF) per sapere come rivolgersi all’Arbitro e l’ambito della sua competenza si può consultare il sito www.arbitrobancariofinanziario.it, richiedere informazioni presso le Filiali della Banca d’Italia, oppure chiedere alla Banca.
  • al Conciliatore BancarioFinanziario – Associazione per la soluzione delle controversie bancarie, finanziarie e societarie – ADR, Iscritto al n. 3 del Registro tenuto dal Ministero della Giustizia; il Regolamento del Conciliatore BancarioFinanziario può essere consultato sul sito www.conciliatorebancario.ito richiesto alla Banca.

Scarica i documenti:

Controversie inerenti servizi e attività d’investimento

l Cliente, dopo aver presentato un reclamo in materia servizi e attività di investimento, in mancanza di risposta entro i termini previsti (60 giorni), o qualora fosse comunque insoddisfatto dell’esito del reclamo, potrà rivolgersi:

all’Arbitro per le Controversie Finanziarie (ACF). Per saper come rivolgersi all’Arbitro e l’ambito della sua competenza si può consultare il sito www.acf.consob.it o chiedere informazioni alla Banca.

Scarica i documenti:

Controversie inerenti l’intermediazione assicurativa

Dopo aver presentato un reclamo in materia di intermediazione assicurativa, se insoddisfatto dell’esito o se dopo 45 giorni non ha ricevuto risposta dalla Banca, il cliente può rivolgersi:

  • all’IVASS – Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni; le informazioni relative alle modalità di presentazione di un reclamo all’IVASS, e la relativa modulistica, sono disponibili sul sito www.ivass.it

Scarica i documenti:

Reclami relativi a bonifici transfrontalieri

Il Cliente può rivolgersi all’Ufficio Reclami della Banca per qualunque questione derivante dall’esecuzione di bonifici transfrontalieri, purché:

  1. Non siano trascorsi 180 giorni dalla scadenza del termine convenuto con l’ordinante per l’esecuzione dell’ordine di bonifico ovvero con il beneficiario per la messa a sua disposizione dell’importo dello stesso;
  2. la questione non sia stata portata all’esame dell’Autorità giudiziaria, di un Arbitro o di un Collegio Arbitrale